La tecnologia non va temuta ma usata

È naturale, la matita? Magari è naturale la grafite, ma lo è anche il silicio, cioè uno dei minerali che fanno funzionare i microprocessori dentro i nostri computer. È naturale, il libro? Stracci pressati fino a diventare carta, stampati usando il piombo, legati insieme e venduti in cambio di altri foglietti che, come selvaggi, pensiamo abbiamo valore? È naturale la moneta? E ascoltare in un ricevitore la voce di una persona lontana, lontanissima, è naturale?

Ogni volta in cui abbiamo a che fare con una nuova tecnologia c’è qualcuno che storce il naso. Si stava meglio prima, non ne avevano bisogno, a cosa serve?, non è naturale.

Quello che è interessante in questo momento storico è che abbiamo accumulato una quantità di innovazioni così grande da aver scambiato il mondo in cui siamo nati con uno stato di natura e non come il frutto di un’altrettanto incredibile serie di innovazioni (l’orologio, il telegrafo, le auto, le strade, il treno, la televisione, la chirurgia, l’elettricità).

Invece di venerarla o temerla, scrive su Il Tascabile Mafe de Baggis, una nuova tecnologia dovremmo semplicemente usarla.