Fatti coraggio, Apple

Ci sono momenti in cui bisognerebbe ammettere che qualcosa non va. Che c’è un problema, Houston, e che bisogna fermarsi a riflettere. Ci vuole una bella partita di coraggio per farlo. Coraggio vero, mica spinotti per cuffie. Coraggio, ragazzi. Ma non ce n’è, non ce n’è più. Né per le fonti ufficiali che sì, sono d’accordo, non lo possono riconoscere mica; né per quelle non ufficiali: i simpatizzanti, i fedeli, gli amanti, i predicatori, i guardiani e i fan di Apple. C’è qualcosa che non va: ditelo. Diciamocelo. Non c’entra la morte di Steve, pace all’anima sua che pure io gli volevo un gran bene. Non c’entra la disattenzione per il settore business. Non c’entra la concorrenza. È che le idee pare ce le siamo giocate tutte e gli stimoli stanno a zero. C’è un problema. Accettiamolo.

Ad un’analisi affrettata si potrebbe dire che Microsoft è oggi quella che innova, Apple quella che avanza con più cautela

Dice Filippo Corti citando un post di Steven Levy. Analisi affrettata, dice. E a guardar bene? E a voler fare un’analisi approfondita? C’è un problema, Tim. Diamoci pace. Facciamo coraggio. Affrontiamolo. Non giriamoci intorno, che l’amarezza è bella finché ce n’è. Dopo un bel pianto ci sentiremo meglio.

Le email sono morte, viva le email

Eppure, per registrarci a pressoché qualsiasi cosa usiamo la nostra email, e la nostra casella confusionaria è la stessa che ringraziamo quando possiamo non rispondere a un contatto molesto senza che veda che abbiamo visualizzato il suo messaggio, o sappia che l’abbiamo confinato a un provvidenziale filtro antispam. E chiunque abbia mai usato un’app di instant messaging sa cosa significa usarla per leggere testi molti lunghi.

Il rilascio di Workplace, il nuovo sub social network di Facebook dedicato al lavoro, ha fornito il pretesto a Davide Piacenza su Studio di fare il riassunto sullo stato di vita delle e-mail: molti dicono che non servono più, effettivamente se n’è ridotto parecchio l’utilizzo causa instant messengers ma le usiamo ancora con insistenza tutti i giorni e, volendo o nolendo, è una bellissima necessità.

Personalmente considero le email il miglior social network: sono rapide da usare, tengono correttamente traccia del trascorso della discussione, hanno account verificati in una rete sociale concreta e coerente, sono uno standard ufficialmente riconosciuto, funzionano magnificamente con discussioni private, permettono di migliorare la produttività se usate in maniera organizzata e hanno un fascino che nessun cinguettio, post o status possono raggiungere.

La postazione dopo lo switch

Questione di hardware. È così che mi sentirei di titolare il prosieguo del racconto del mio switch da Apple Mac OS X a Microsoft Windows 10. Con il Dell XPS 13 mi ci sono trovato bene, ma mi ero imbattuto in qualche problemino alla tastiera che la rendeva inusabile. Con il Surface Pro 4 di Microsoft, meno carino e potente ma con una pletora di funzionalità in più, mi sto invece trovando fantasticamente. Questione di hardware: è per avere la possibilità di poter scegliere il mio hardware che ho deciso di abbandonare Apple, una decisione che mi sta dando soddisfazione.

Il Surface Pro 4 è un notebook che eleva al massimo il termine “portatile”: ha uno schermo touch, una stylus comoda e poliedrica, una tastiera confortevole separabile che lo rende un tablet, un trackpad grande e resistente, un display con una risoluzione eccellente, il peso di una piuma ed una serie di software ad-hoc utili e funzionali agli accessori disponibili; le poche porte, che rendono necessario un dock aggiuntivo per incrementare gli ingressi, è l’unico difetto che gli ho trovato sin ora.

La mia postazione adesso comprende:

Questione di hardware: al confronto un Macbook Air mi sembra un mattone. Ma anche quetione di SO: Windows 10 si sta rilevando sempre più un ottimo sistema; in oramai un mese di utilizzo, sono molto poche le funzionalità di Mac OS X di cui sento ancora un po’ di mancanza.

Welcome Microsoft Windows 10

Una settimana. Non di più. Una settimana per convincermi che sì, ho fatto una scelta corretta. Una settimana per scoprire Windows 10, un buon sistema operativo. Sette giorni per imparare ad apprezzare l’XPS 13 di Dell, un ottimo notebook. Non è un ecosistema perfetto, non è esente da fastidi, ma è comunque una combinazione felice che mi ha permesso, nell’ultimo periodo, di non sentire (quasi) mai la mancanza del mio vecchio MacBook Air. E quindi niente, posso definire lo switch come completato.

Mi rendo conto che usando tanto Google Chrome e tante applicazioni che sono comunque multipiattaforma, la crisi non l’ho vissuta. Certo, mi sono dovuto abituare a menu differenti, impostazioni un po’ più confuse, ai driver (!!) e alle disinstallazioni, ma c’ho guadagnato in comodità di utilizzo. Windows 10 è un OS completo e ben costruito. Il nuovo menu Start è di una lussuria che ignoravo e la gestione delle finestre, rubata da Linux prima e – paradossalmente – da OS X poi, è migliorata e molto funzionale.

Dal punto di vista hardware, invece, il Dell XPS 13 è un notebook portentoso. La risoluzione è magnifica e sembra di lavorare con un dispositivo da molti più pollici; la velocità è folle; il touch inutile; la qualità generale ottima. La tastiera, però, è tutt’altro che perfetta. Un po’ di remore sono legate soprattutto a quest’ultimo aspetto: proverò nuovi hardware.

Windows 10 quindi è il sistema operativo col quale ho deciso di lavorare nei mesi a venire. Relativamente all’hardware ho invece scelto di testare ancora per cercare una soluzione più comoda e consona alle mie aspettative. Ma della mela morsicata, al momento, sento di non avere più bisogno.

Ciao Apple. Ciao.

Niente più email

Microsoft ha lanciato Send, un’applicazione che permette di gestire le e-mail come fossero messaggi istantanei di una chat. L’idea è avvincente: rendere le risposte più immediate forzando psicologicamente l’utente a immaginare che dall’altra parte ci sia qualcuno che lo stia attendendo, subito ed impaziente, permetterebbe di velocizzare e rendere più agili gli scambi via email.

Immaginate: niente più inbox zero, niente prioritizzazione delle risposte, niente etichette, schedulazioni né filtri. Solo messaggi a cui rispondere, possibilmente il più fretta possibile. Sarebbe atroce.

Auguri, Bill

Avevo tredici anni e tornai a casa in serata. Ero in strada in bicicletta o a giocare a pallone, non ricordo. Accesi il mio 386 — per intesi, non avevo la minima idea di cosa significasse quella cifra. Si avviò un’interfaccia grafica. Era Windows 95.

Non mi piacque, piansi e mi arrabbiai: mio cugino era stato a casa e mi aveva aggiornato il sistema. Lo rifiutavo, volevo il mio MS-DOS. Chiamai il maledetto e mi disse di pazientare, di provare ad usarlo perché era migliore, più comodo, era una rivoluzione. Resistetti. Fu una rivoluzione.

Ma non pazientai parecchio. Da lì a qualche anno assaggiai Linux. Poi Mac OS X. Windows non lo ricordo più.

Qualche giorno fa ha compiuto 20 anni. È stata una rivoluzione. Ma anche le migliori rivoluzioni passano. Firgurarsi Windows 95.

It’s too late, Microsoft

Con le diverse versioni di Internet Explorer, Microsoft è riuscita nei vari anni a rendere complicata la vita agli sviluppatori web (abbiamo penato), soprattutto se provenienti da altri OS e dediti al rispetto degli standard (non potete proprio immaginare quanto abbiamo penato). Oggi pare voglia metterci una pezza rilasciando delle macchine virtuali, gratuite e per le piattaforme più diffuse, con Windows 10 ed Edge – il suo nuovo browser – preinstallati.